06/11/2019

Primitive for Children®: il Sistema di allenamento funzionale per il miglior sviluppo motorio dei bambini

di Francesco Bono
Indice

Era moderna, evoluzione o involuzione?

Dedico gran parte delle mie ore lavorative all’età evolutiva e questo mi permette di osservare gli “adulti di domani” in crescita, dai più piccoli di tre anni agli adolescenti. Giungono nella mia palestra con l’obiettivo di apprendere le arti marziali, poi alcuni, avvicinandosi all’età adulta e incuriositi dalla sala per l’Allenamento Funzionale WTA, iniziano ad interessarsi agli allenamenti fisici per migliorare la loro forma e forza.
Quello che giorno dopo giorno mi balza sempre di più all’occhio è la generalizzata tendenza a mantenere posture errate sin dalla più tenera età. Il tutto viene confermato appena salgono sul tatami, dove emergono squilibri posturali, paramorfismi e dismorfismi della colonna vertebrale, rigidità articolare e difficoltà nell’esecuzione di movimenti coordinati.
È ormai risaputo come la tecnologia abbia cambiato drasticamente le nostre abitudini: smartphone e computer monopolizzano la gran parte della nostra attenzione quotidiana, e questo purtroppo non risparmia i bambini.
Questo, insieme ad altre abitudini tipiche della società moderna, come la tendenza a ridurre i movimenti e a mantenere a lungo le posizioni sedentarie, ha chiaramente influito sullo sviluppo posturale delle persone. Trascorrere la maggior parte delle ore della giornata seduti, spesso fissando il pc o guardando verso il basso lo smartphone, mette a dura prova il corretto allineamento posturale dell’uomo, andando progressivamente a creare disequilibri ed alterazioni delle curve fisiologiche della colonna vertebrale.
Ecco che già i bambini oggi mostrano la tipica postura cifotica con anteposizione del capo, ipercifosi dorsale, anteposizione ed intrarotazione delle spalle, retroversione del bacino, accorciamento della catena posteriore ecc,  il tutto associato sempre più spesso a scarse possibilità di movimento con conseguente incompleta acquisizione degli schemi motori di base, fondamenta epigenetiche del movimento, su cui costruire tutte le capacità coordinative e condizionali.

Il Primitive Functional Movement® per educare al movimento

Nel 2011 il Master Trainer Emilio Troiano, fondatore della WTA Functional Training Academy, ha creato il Sistema di Allenamento a corpo libero denominato Primitive Functional Movement®, con l’obiettivo di condizionare il Movimento attraverso l’allenamento di schemi motori multiplanari, tipici del movimento naturale, nel rispetto dell’anatomia, della fisiologia e della biomeccanica umana, consolidando le basi di consapevolezza e di mobilità articolare, substrato fondamentale non solo per le capacità condizionali, ma anche per una migliore postura ed un miglior benessere psico-fisico.
Ma perché limitarsi a recuperare le potenzialità umane quando possiamo evitare che queste vengano messe a tacere?
Se invece di limitarci a proporre il recupero posturale e biomeccanico in età adulta, evitassimo che gli “adulti del futuro” cadano nell’involuzione “silenziosamente” imposta dalla società ed offrissimo loro un modello evolutivo differente?
Il Primitive Functional Movement®, opportunamente calibrato per ogni fascia d’età, ha tutte le potenzialità per essere proposto in età evolutiva per educare il movimento, la postura, le capacità condizionali e coordinative. Ecco che da questo presupposto nasce il programma di allenamento Primitive for Children®: adattamento in chiave ludica dei principi del Primitive rivolto ai bambini dai 6 anni fino all’adolescenza.

Il programma Primitive for Children®

Il Primitive for Children®, attraverso i suoi programmi di allenamento, differenziati per fascia d’età, ha l’obiettivo di portare i bambini alla conoscenza del proprio corpo, seguendo sequenze di Mobilità Articolare per essere “morbidi”, elastici e coordinati, al fine di acquisire non solo l’ampiezza dei movimenti e la fluidità esecutiva dei gesti, ma anche di imparare a gestirsi negli spostamenti nello spazio con equilibrio e propriocezione.
L’apprendimento di strategie motorie sempre più raffinate e complesse supporteranno positivamente lo sviluppo del bambino a 360°: in età evolutiva infatti il movimento è il mezzo primario per apprendere, agire nel mondo e conoscere se stessi.
Questo accadrà anche grazie alle dinamiche che la lezione di gruppo permetterà di mettere in atto, da un lato sostenendo l’acquisizione di consapevolezza, autostima e senso di competenza di ognuno, dall’altro di sperimentare fondamentali dinamiche di socializzazione e relazione tra pari e con l’Istruttore.

Quando e a chi proporre il Primitive for Children®?

Questo programma di allenamento può essere proposto in tutti gli ambiti coinvolgenti l’età evolutiva dai sei anni in su.
Può essere proposto come lezione complementare ad un’attività sportiva specifica, a sostegno della preparazione del giovane atleta, ma anche come corso a sé stante con l’obiettivo fondamentale di favorire uno sviluppo equilibrato e corretto del movimento, ed ovviamente anche con percorsi specifici ed individuali per l’educazione al corretto movimento e postura di un singolo bambino.
Visto il forte valore educativo e preventivo può essere proposto con successo in ambito scolastico, ad integrazione dell’attività motoria curricolare.

I risultati conseguiti ad oggi?

Nei sei anni di sperimentazione è stato possibile proporre il programma sia a supporto di attività sportive, sia come corso a sé.
In entrambe i casi i risultati sono stati notevoli già dopo pochi mesi dall’inizio del percorso, sfruttando in modo positivo la capacità di apprendimento tipica dei bambini e dei ragazzi.
Rispetto alla valutazione iniziale si sono riscontrati miglioramenti in termini di mobilità articolare, con riduzione della rigidità e aumento della propriocezione.
Il miglioramento del movimento coordinato e della fluidità delle sequenze motorie è stato apprezzabile sebbene molto influenzato dal livello di sviluppo e dall’età di ciascuno.
Tra i 7 e i 10 anni in particolare si è evidenziato il netto miglioramento delle capacità di equilibrio, di orientamento spazio-temporale e di apprendimento, controllo e regolazione dei movimenti.

L’importanza della formazione in Primitive for Children®

Specializzare la mia formazione, integrando le conoscenze del Primitive Functional Movement® con quelle del Primitive for Children®, mi ha fornito una preparazione anche in merito alle modalità con cui proporre l’allenamento in modo efficace per ogni fascia d’età. Per esempio, garantendo un buon equilibrio tra esercizi ed attività ludica, e sfruttando modalità comunicative appropriate con la giusta attenzione anche alle dinamiche relazionali. Questo ha garantito un miglior interesse di ciascun bambino e quindi migliori risultati anche dal punto di vista della performance motoria richiesta.
Saper COMUNICARE ed utilizzare un linguaggio adeguato all’età del bambino/ragazzo è uno degli elementi spesso molto trascurati dall’INSEGNANTE, ma che risulta essere una delle armi vincenti per poter trasferire le proprie CONOSCENZE e la propria PASSIONE del Movimento. Questo è uno dei motivi per cui intraprendere un percorso di Formazione Specializzata nell’insegnamento rivolto ai Bambini.

“Dovrebbe essere CURA di tutti i Professionisti e gli appassionati del MOVIMENTO partire dall’EDUCARE al MOVIMENTO FUNZIONALE prima ancora di pensare al RECUPERO e alla PREPARAZIONE ATLETICA che sarà l’apice del percorso di crescita Motoria”

Iscriviti al Corso di Formazione Online specifico per l'Allenamento Giovanile e dei Bambini

Commenti
Per commentare devi prima eseguire la registrazione.

Iscriviti subito
Potrebbero interessarti
Approccio all’Allenamento Funzionale WTA nella Terza Età convivendo con alcune patologie fisiche
Il Recupero Funzionale in seguito ad un’infortunio sul lavoro attraverso il Sistema RCF
La Preparazione Atletica nella Prepugilistica in un atleta nell’età preadolescenziale
K-MED®, la tecnologia progettata per recuperare al meglio quando dormi ed essere carico per spingerti al massimo nello Sport
La Preparazione Fisica Funzionale nella Pallavolo
Il Recupero Funzionale Globale del Sistema RCF a confronto con la Riabilitazione settoriale tradizionale
Torna agli articoli